Carlo Promis e Theodor Mommsen Cacciatori di Pietre tra Torino e Berlino e Lapidario

La Mostra “Cacciatori di pietre fra Torino e Berlino” si propone di illustrare lo sviluppo degli studi antichistici in Piemonte attraverso l’analisi della collaborazione scientifica tra il maggiore antichista del XIX secolo, Theodor Mommsen, e il torinese Carlo Promis, professore di architettura ed epigrafista: la loro collaborazione scientifica si comprende nel più ampio quadro della nascita delle collezioni antiche a Torino, dello sviluppo dell’epigrafia latina con la creazione dei corpora: sullo sfondo, è possibile cogliere le ricadute politiche delle relazioni culturali tra l’Italia e la Germania nel XIX secolo.  La cultura, intesa allora come riscoperta delle proprie radici e ricostruzione di un passato lontano, fu per Torino lo strumento per acquisire e rafforzare un’identità di ruolo che fosse titolo di riconoscimento privilegiato in Italia e in Europa.

In occasione della mostra verrà aperto "Il lapidario" che propone il riallestimento ottocentesco dell’intera raccolta epigrafica posseduta dalla Biblioteca Reale. La collezione è composta prevalentemente da iscrizioni paleocristiane databili fra IV e il VI secolo, provenienti da diverse catacombe romane. Acquistate nel 1842 sul mercato antiquario di Roma per espresso interesse del re Carlo Alberto (1798-1849), costituiscono il nucleo più numeroso e rappresentativo di questa particolare categoria di testimonianze urbane oggi visibile nell’Italia nord occidentale.Il lapidario ospita anche altri reperti di provenienza eterogenea e non solo epigrafici (qui esposti ma non elencati), variamente acquisiti nel corso della prima metà dell’Ottocento.

Periodo: 
da Martedì, 31 Marzo 2015 a Venerdì, 26 Giugno 2015
Orario: 
Lunedì - Venerdì: 9:00-18:30
Sabato: 9:00-13:30

Alcune opere della mostra

Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino
Biblioteca Reale Torino

 

Per maggiori informazioni accedi al sito della Biblioteca Reale