Leonardo, Antonello, Van Eyck.

In occasione di questa mostra la Biblioteca Reale espone tre capolavori del Rinascimento: l’Autoritratto a sanguigna di Leonardo da Vinci (1519 circa), custodito in Biblioteca Reale, il codice miniato Les très belles heures de Nôtre-Dame (1390-1450), con le preziose miniature dei fratelli van Eyck, e l’enigmatico Ritratto d’ignoto di Antonello da Messina (1416), entrambi dalle collezioni del Museo Civico di Arte Antica di Torino.            
A corollario, dalle raccolte della Biblioteca sono state scelte altre opere di Leonardo (Volto di fanciulla, studio per l’angelo della Vergine delle Rocce del Louvre, Studio di insetti, Studio di carri falcati e il Codice sul volo degli uccelli, in cui l’artista annotò i suoi appunti ed elaborò le sue osservazioni sul movimento degli uccelli), della sua cerchia (quale Busto di giovane incoronato di spine e foglie di vite, di Antonio Boltraffio) e della bottega
del Verrocchio (Studio di angelo per il battesimo di Cristo).            
Sono inoltre presenti altre opere provenienti dal Museo Civico di Arte Antica, come i vetri dorati e dipinti di scuola borgognona, la tempera e foglia d’oro su tavola opera di Antoine de Lonhy e alcuni codici miniati di maestri fiamminghi, fra i quali il Maestro di Giorgio di Challant. Da segnalare inoltre il Libro d’ore miniato interamente da Simon Marmion (artista francese della seconda metà del ‘400), posto accanto ad un’altra opera della bottega dello stesso miniatore, il Missale fratum minorum conservato in Biblioteca. 

Periodo: 
da Domenica, 9 Marzo 2003 a Mercoledì, 31 Dicembre 2003

Alcune opere della mostra

Leonardo da Vinci - Autoritratto
Leonardo da Vinci
Biblioteca Reale Torino
Adorazione del bambino
Maestro fiammingo
Museo Civico d'Arte Antica
Madonna col Bambino - Disegnatore fiammingo
Disegnatore fiammingo
Biblioteca Reale Torino
Vergine che allatta il Bambino - Simon Marmion
Simon Marmion
Museo Civico d'Arte Antica
Antonello da Messina - Ritratto d'uomo
Antonello da Messina
Museo Civico d'Arte Antica

 

Per maggiori informazioni accedi al sito della Biblioteca Reale